02/01/2004 – Arte in tram

Sabato 17 gennaio 2004, con inizio alle ore 11.30, s’inaugurerà la singolare mostra d’arte contemporanea intitolata ARTE IN TRAM che si snoda lungo il percorso del tram di Opicina. L’inaugurazione avrà luogo presso l’ultima stazione, a Opicina appunto.

Al capolinea in piazza Oberdan si potranno degustare vini tipici locali, mentre all’arrivo ad Opicina sarà offerto latte, in relazione all’installazione dell’artista Marinella Terbn “La strada del latte”, con la gentile collaborazione delle Latterie Friulane.

Nello stesso giorno, con inizio alle ore 21 una speciale corsa del tram di Opicina con partenza dalla stazione di Vetta Scorcola, permetterà una singolare, festosa visita guidata notturna alle opere disseminate nelle stazioncine illuminate, stando comodamente seduti nel tram.

L’iniziativa è promossa dal GRUPPO 78 International Contemporary Art, a cura di Maria Campitelli, e consegue alla presentazione del catalogo TRAM-WAY, effettuata l’anno scorso, nel periodo natalizio, in occasione del centenario del Tram di Opicina.

E’ sostenuta dal Comune di Trieste – Area Cultura, da Trieste Trasporti e dall’A. C. T. con la collaborazione di alcuni sponsor privati.

Comprende 12 artisti, tutti del GRUPPO 78 che proporranno i loro interventi lungo il percorso dello storico mezzo di trasporto triestino. E cioè nelle stazioncine, rianimate da presenze insolite, lungo i muri, negli spazi liberi, allo scopo di richiamare l’attenzione su di un paesaggio di incomparabile bellezza – specie nel tratto a cremagliera che si apre sull’intero golfo di Trieste – interpretando in maniera del tutto libera e fantasiosa – come si conviene all’arte – storie, tradizioni, caratteristiche locali coniugate alla contemporaneità.

Gli artisti sono: Pierpaolo Ciana, Fabiola Faidiga, Guillermo Giampietro, Ciro Gallo, Lorena Matic, Eddi Milkovitsch, Luciano Panella, Paolo Ravalico Scerri, Barbara Stefani, Barbara Tedesco, Marinella Terbon, Franco Vecchiet

Gli interventi comprendono pittura, installazioni, eventi video, performances, cioè quella pluralità e quegli incroci linguistici che caratterizzano l’espressività contemporanea.

Ancora una volta l’arte esce dalle gallerie e dai musei per invadere il territorio. In questo caso osa arrampicarsi lungo l’erto tragitto che congiunge la città all’altipiano carsico, per aprirsi al pubblico della quotidianità.

La mostra resterà in atto fino al 31 gennaio.

Info: Gruppo 78 I.C.A., via Monte Cengio 11 – 34127 Trieste
Tel/fax: 040.567136; 339.8640784
e-mail: [email protected]; [email protected]
www.gruppo78.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.