PAVANA PER ANTIGONE

LUBIANA

Nella sede Vodnikova Domacija di Lubiana si è svolta  la pièce teatrale “Pavana per Antigone”,  ideata e realizzata da Hanna Preuss con svariate collaborazioni internazionali. L’attività del Sound Atelier di Lubiana è legata a quella del Gruppo78 in quanto è stato redatto un menorandum d’intesa da entrambe le associazioni per collaborazioni internazionali.
“Pavana per Antigone” è una straordinaria metafora, evocativa e poetica, dove mito e contemporaneità s’intrecciano  per esprimere un anelito di pace che pervade comunque l’uomo d’oggi nonostante la diffusa conflittualità che l’attornia. E’ un lavoro nato dall’idea di commemorare  i 100 anni dall’inizio della prima guerra mondiale  e l’ambientazione del video, che supporta  l’evento, c’introduce in un cunicolo ai piedi dei rilievi vicino a Nuova Gorica, cioè nell’habitat  che ha caratterizzato il reale svolgimento di quella tragedia. E’ un riferimento d’identificazione ma non vuol essere preciso e concreto riscontro, perché la narrazione della performance si qualifica per un’astratta concezione  che sfiora le cose senza illustrarle, procede per allusioni, s’illumina a tratti  di paesaggi d’incanto, contrapposti al buio dei cunicoli;  in questo percorso s’espande il racconto della molteplicità di sentimenti, anche conflittuali, che attraversano l’animo  umano.  Sentimenti distruttivi misti ad esplorazioni della natura dell’anima nel tentativo di superare l’eterno status di discordia che prostra l’umanità : questo il filo rosso che attraversa l’ espansa ed articolata ricerca di Hanna Preuss. L’aspirazione è la pace con se stessi e con il mondo che ci circonda e il riferimento ad Antigone,  con la sua ribellione  ad accettare il diritto del potere a sovvertire le regole consacrate naturali e divine,  s’innesta in attuali sentimenti  di giustizia  potenzialmente  esplosivi all’interno di ben strutturate configurazioni sociali. L’impossibilità di Antigone  si congiunge agli attuali condizionamenti di una società  di superficie  fittizia ed artificiale che riduce la libertà e l’autonomia di comportamento, producendo un conformismo globalizzato. L’esplorazione di Hanna Preuss – che ha prodotto il concept e l’ambientazione sonora della pièce che raggiunge dimensioni di epopea –  diviene simbolo  universale di una condizione umana che ha radici antiche. Si attualizza  nella specificità del mondo contemporaneo attraverso gli strumenti dell’inarrestabile progresso tecnologico che permette, nella realizzazione dello spettacolo,  una compenetrazione sono-visiva, una potenza espressiva d’immagine, suono, parola  che discende dalla lunga esperienza in costante aggiornamento di un’artista che ha una visione dilatata sul mondo.   E che ha riversato le sue capacità e conoscenze nel Centro di arti sonore  Vodnikov Manor di Lubiana di cui è la direttrice.  Con questo formidabile equipaggiamento intellettuale e tecnologico,  e in questo caso supportato da innumerevoli collaborazioni internazionali, Hanna Preuss fonde con “Pavana per Antigone” mito, storia, presente e proiezione nel futuro. Il racconto, nutrito da astrazione poetica, procede con l’attrice Antonella Bukovaz (proviene dall’esperienza di Topolò) che è pure autrice. Recita in italiano, accompagnata da un testo trilingue. Compare nel video, avanzando  nelle cavità della terra con la lanterna in mano, novella Diogene, per schiarire il buio del luogo e della conoscenza, e si materializza sulla scena sovrapponendo realtà e finzione in un  binomio di singolare impatto teatrale, mentre il saxofono dell’italiano Antonio della Marina,  nella sua performance live, lacera lo spazio scenico con i suoi strappi sonori. Questa fiction-live diviene il paradigma delle attuali modalità esistenziali. Ma prevale un vibrante sentimento di poesia, che, attraverso la solitudine – soltanto solo, sperduto, muto, a piedi, riesco a riconoscere le cose (P.P.Pasolini)  – attraverso il tempo, il dipanarsi delle discendenze, e con esse l’acquisizione del bene e del male, si apre alla fine all’amore.

Maria Campitelli

Galleria fotografica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.