22/09/2009 – “MANIFESTI D’ARTISTA 2009” – III edizione – VII appuntamento


Evento : “manifesti d’artista “

Dove : Trieste, via Fabio Severo, angolo Foro Ulpiano

Quando : dall’ 8 giugno fino alla metà di ottobre

A cura di Maria Campitelli in collaborazione con Elisa Vladilo

Promozione : GRUPPO78 I.C.A., 
con il patrocinio del Comune di Trieste
con l’adesione della Casa dell’Arte

Settimo appuntamento : martedi 29 settembre 2009, ore 18.00

Martedì 29 settembre- e non lunedì come di consueto – avrà luogo l’ultimo appuntamento di MANIFESTI D’ARTISTA di questa stagione, nel solito luogo di via Fabio Severo, angolo Foro Ulpiano, a Trieste, alle ore 18. I manifesti rimarranno visibili nei giganteschi impianti d’affissione di 3metri x 6 fino all’11 ottobre.

Il 3 ottobre, giornata dell’AMACI – sarà effettuata, nel luogo d’esposizione dei manifesti, dunque in strada, tempo permettendo, una presentazione generale dell’iniziativa che tanto successo sta riscuotendo presso gli artisti.

Per l’ultimo appuntamento espongono tre artisti : l’emiliana Annalisa Cattani, il gruppo sloveno BridA, e Giancarlo Norese, che gravita nell’ambito milanese.

BridA è costituito da tre artisti, Tom Kersevan, Jurij Pavlica, Sendi Mango. Il nome del gruppo si riferisce ad una sorgente d’acqua che scorre accanto al loro primo studio a Sempas, vicino a Nuova Gorica. La A maiuscola alla fine del nome nasce da un errore tipografico poi mantenuto per l’intrigante ambiguità che comporta. Lavorano sull’informazione, tema dominante della nostra società, sulla sua diffusione e manipolazione, sulle reti dunque che inglobano il pianeta, e sui mezzi, oggi soprattutto tecnologici, che fanno da conduttori. Il loro manifesto infatti appare come un gigantesco disegno attraversato da linee, cavi, tralicci, trasmettitori, frecce direzionali a indicare il circuito delle trasmissioni, il tutto color rame su di un fondo giallo paglierino, a indicare la varietà e la complessità dei sistemi d’informazione  impiegati per diffonderla. Il rame non è casuale, perché conduttore per eccellenza, in questo caso di flussi di informazioni. Simboli e contenuti si sovrappongono facendosi canali  attraverso cui transitano le informazioni, ma anche database, cioè i luoghi di conservazione delle informazioni stesse. Questi disegni sono finalizzati ad un progetto “Information Accelerator 1” che intende indagare sulla problematizzazione dei molteplici percorsi dell’informazione contemporanea, sul concetto di “transfer”, di trasferimento cioè, e di alterazione, sul suo condizionamento, – facendosi strumento di potere – sul suo valore e significato sociale .

Annalisa Cattani pratica la fotografia, il video, l’installazione; opera nell’ambito della public Art. Per “Public Art a Trieste e dintorni” ha prodotto il site-specific “le ragazze di Trieste” lungo la riva di fronte a Piazza Unità. Il suo manifesto rimanda ad un progetto, realizzato a partire dal 1995 e sviluppato fino ad oggi, che si è svolto in diversi quartieri di varie metropoli : Berlino,Londra,Roma, New York, Baghdad. Esso prevede una bambola particolare, una Kweepie, a metà strada tra l’angelo e l’alieno che veniva consegnata a persone incontrate occasionalmente cui si chiedeva di farsi fotografare con essa. Nella conseguente documentazione (l’artista ha scattato 3000 foto e prodotto due video) “la bambola” – dice l’artista – abita lo spazio come un essere umano e diviene un soggetto attivo di trasformazione che provoca e perturba le relazioni tra perfetti estranei”. Inoltre la bambola accomuna i diversi paesaggi, fondendo le singole microstorie di quanti hanno accettato di partecipare al progetto, in un’unica ipotetica storia di incontro e condivisione. Il titolo “Benvenuto e addio” tradotto in diverse lingue, sottolinea la rapidità del contatto. La bambola diviene testimone di viaggi e luoghi, facendosi tramite di atti ripetuti di comunicazione che comprendono l’accettazione come il rifiuto. Racconta della temporanea trasformazione di distanze spaziali e culturali.

Giancarlo Norese, artista d’origine situazionista, che ha fatto parte di “Oreste!” e gravita nell’area della Public Art, propone un manifesto a dir poco curioso. Consiste in una sola frase in bianco e nero, e per giunta in triestino “Varda la television”. Un inutile (perché troppo scontato) invito a dipendere dal piccolo schermo? Certamente no. L’esortazione per i triestini implica un percorso complesso. L’idea nasce da un celebre film di Carpenter “Essi vivono” che si riferiva agli alieni. Il protagonista John Nada, in una baraccopoli appena sgombrata alla periferia di Los Angeles trova una scatola piena di strani occhiali da sole che permettono di scoprire una realtà altra. Nei cartelloni pubblicitari intravede dei messaggi subliminali, scritti in nero su fondo bianco, del tipo “obbedisci”, “guarda la televisione”, “consuma”… e intorno ci sono dei personaggi dall’aspetto degli zombi. Nada capisce che si tratta di alieni che tentano di soggiogare gli umani e cerca un modo per rivelare al mondo la loro presenza. Il manifesto di Norese diviene uno i quei messaggi subliminali provenienti da un mondo alieno, rivolto alla popolazione triestina, e sta in essa di coglierne il segreto quanto ironico significato.

Info:  GRUPPO78, via Monte Cengio, 11 – 34127 Trieste/Italy
          Tel/fax ++39 040 567136; cell. 3398640784;
mail:  [email protected]
           [email protected]
web:  www.gruppo78.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.