16/07/2009 – “MANIFESTI D’ARTISTA 2009” – III edizione – IV appuntamento

 

 Evento : “manifesti d’artista “

Dove : Trieste, via Fabio Severo, angolo Foro Ulpiano

Quando : dall’ 8 giugno fino alla metà di ottobre

A cura di Maria Campitelli in collaborazione con Elisa Vladilo

Promozione : GRUPPO78 I.C.A., 
con il patrocinio del Comune di Trieste
con l’adesione della Casa dell’Arte

Quarto appuntamento : martedi 21 luglio 2009, ore 18.00

Il quarto appuntamento di MANIFESTI D’ARTISTA questa volta si verifica martedì 21 luglio, anziché lunedì (come di consueto), alle ore 18 , sempre in via Fabio Severo angolo Foro Ulpiano.

In questo quarto incontro si cimentano, con la grande dimensione di 3 metri x 6 del manifesto stradale, tre artisti austriaci – MARTIN DICKINGER, ULI VONBANCK SCHEDLER, HEIMO WALLNER – che già si sono fatti conoscere a Trieste qualche anno fa partecipando alla mostra Troubled Times, pure questa promossa dal Gruppo 78 nell’insolita location del Civico Museo della guerra per la pace “Diego de Henriquez” di via Cumano. In questo caso è un triplice sguardo all’Italia, che gli artisti offrono, avendo inteso lo spazio del manifesto come una sorta di osservatorio da cui guardare un paese confinante, per certi versi affine – basti pensare alla comunanza storica – e per molti altri diversificato.

Martin Dickinger ha scelto il b/n per costruire un’immagine che osservi l’Italia. Ed è lui stesso che l’osserva, con il suo ritratto ingigantito, lo sguardo intenso e brillante, le labbra atteggiate ad un lieve sorriso. Un’espressione vivace e partecipe, che contiene e trasmette energia. Infatti accanto a lui c’è una grande “e” che si può interpretare appunto come “energia”, ma anche come una congiunzione sospesa, come se, accanto all’energia si potessero aggiungere tante altre cose. Il titolo del manifesto si ferma proprio su questa “e” lievitante nell’aria. E’ un discorso aperto, non concluso, in cui si possono innestare i pensieri e le osservazioni più disparate, un accennare e non dire, scegliendo di proposito di non dire, lasciando sottese le cose che potrebbero scaturire…

Uli Vonbank Schedler si rivolge invece alle donne. Ha scelto i colori della bandiera italiana: bianco, rosso, verde, colori saturi nella loro complementarietà, come nella bandiera. Il titolo del suo manifesto è infatti “Italienisch”. L’immagine è concreta ed astratta nello stesso tempo, in quanto allude a particolari corporei, in gradazioni di verde, astraendo dall’interezza del corpo, e innestandoli nel rosso intenso dello sfondo che, visivamente si equipara alle estese campiture verdi del corpo. Si crea in sostanza un’ambiguità visiva che trova la sua ragion d’essere all’interno della creatività e della sua autonomia linguistica. Sull’immagine campeggia una grande didascalia bianca che inneggia alla libertà ed auspica il maggior bene possibile per le donne. Un manifesto/auspicio che rispetta le regole compositive del grande placcato all’aperto.

Il discorso di Heimo Wallner è più complesso e indiretto. È l’immagine, anche questa in b/n, di un paesaggio invernale (stranamente piazzato e spiazzante nella canicola di luglio) un lungo prato ricoperto di neve, cosparso di pini. Un paesaggio vagamente triste ed attonito, con sopra una grande, ermetica iscrizione: “Fugu& the Cosmic Mumu”. È il nome della band dell’artista che si riallaccia al titolo del manifesto “Favola d’inverno” che a sua volta si riallaccia a spunti storico/culturali. E’ in sostanza un rimando al grande poeta tedesco Heinrich Heine che, nel 1844, dopo essere fuggito dalla natia  Dusseldorf a Parigi, per l’intolleranza di un clima politico che nella Prussia di allora si stava facendo sempre più pesante, scrisse il celebre poema “Deutschland, ein Wintermaerchen”.  Tradotto in italiano: “Germania, una favola d’inverno”. Una celebre satira politica in versi, scaturita anche dalla condivisione d’idee con l’amico Karl Marx. Dunque in questa chiave l’enigma, pur con tutte le sue valenze metaforiche, proprie del discorso artistico che allude e non svela, si può appianare. E’ un paesaggio triste, come tristi sono le canzoni della band di Heimo Wallner, come piuttosto tristi sono i tempi – in Italia in Austria nel mondo- che attraversiamo.
Un triplice sguardo dunque, nutrito di energia, di buoni auspici, di perplessità, rivolto all’Italia da un paese, l’Austria, che con essa condivide il grande, non sempre facile contesto della nuova Europa.

Info:  GRUPPO78, via Monte Cengio, 11 – 34127 Trieste/Italy
          Tel/fax ++39 040 567136; cell. 3398640784;
mail:  [email protected]
           [email protected]
web:  www.gruppo78.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.