14/07/2004 – Troubled Times, presentazione

mostra internazionale, natura naturans n. 9

Dove: Civico Museo della guerra per la pace “DIEGO DE HENRIQUEZ”, via Cumano, 24, Trieste; Galleria LipanjePuntin, via Diaz, 4 Trieste, Galleria Planetario, via Filzi, 4, Trieste

Quando:

dal 03.09 al 16.10.2004 al Civico Museo della guerra

dal 21.09 al 31.10.2004 alla Galleria LipanjePuntin

opening: sabato 3 settembre 2004 alle ore 18.30

Promozione: Gruppo 78 I.C.A. in collaborazione con il Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura

Curatore: Maria Campitelli

Con il sostegno di: Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione,CRT, Camera di Commercio, A.I.A.T., Assicurazioni Generali

Orari:

al Museo della Guerra: giovedì, venerdì, sabato: 16/19; festivi 10/13;

Galleria LipanjePuntin: feriali: 11/13 ; 17/20;  lunedì e festivi chiuso

 

Giunto alla nona edizione il fortunato ciclo NATURA NATURANS opera una svolta. Dopo gli intrecci tra realtà e finzione, dopo la trasformazione in atto sul pianeta, la revisione del concetto allagato i Mitteleuropea, il connubio esaltante di arte e moda, Il GRUPOPO 78 invita quest’anno un gruppo di artisti internazionali a considerare i tempi duri ed inquietanti in cui viviamo. TROUBLED TIMESè infatti il titolo della nuova mostra internazionale.

Il progetto tende ad evidenziare la consapevolezza dell’artista, il suo senso di  responsabilità ed il fondamento etico che lo guida tra le pesanti realtà del nostro pianeta, le sue trasformazioni socio-politiche –economiche e quelle tecnologiche che determinano nuovi assetti esistenziali. Qual’è la posizione dell’artista nel merito degli spostamenti migratori, della condizione femminile nel mondo, dello stato di guerra o guerriglia permanente in decine di paesi di cui si sa solo di alcune, mentre le altre sono del tutto sconosciute all’opinione pubblica, della vistosa discrepanza tra una minoranza di popolazioni che vivono nel benessere mentre la stragrande maggioranza vive nell’indigenza, priva dei beni primari quali l’acqua e la casa? Né di minore importanza sono i dissesti dell’eco-sistema, per lo più provocati dall’uomo.

Osservando il panorama internazionale dell’arte dobbiamo constatare la sempre più frequente presa di coscienza da parte degli artisti di fronte a tutto ciò, e soprattutto nei confronti delle ingiustizie, della sopraffazione del potere, del privilegio di oligarchie rispetto alla masse ignorate nelle decisioni politiche di importanza globale.

E ciò è rilevabile nelle grandi manifestazioni internazionali, a partire dall’ultima Biennale che offriva una massiccia presenza di artisti impegnati sul fronte socio-politico con presenze quasi più documentaristiche che artistiche.

Attorno ad un nucleo di artisti largamente affermati e conosciuti quali Marina Abramovic, Shirin Neshat, Santiago Sierra, Irwin, Zwelethu Mthethwa, Jota Castro…..l’attenzione si è rivolta soprattutto ad artisti dell’Est Europeo, ma anche dell’Algeria, di Israele, dell’Irak… per raccogliere un crogiuolo di forze creative che insistono – denunciandoli in vario modo con metafore o documenti diretti – i mali disparati che affliggono il mondo.

Gli artisti partecipanti a Troubled Times sono:

Marina Abramovic (Serbia), Tal Adler (Israele), Sergej Bratkov (Russia), Brigata Es (Italia), Jota Castro (Perù), Gianmaria Conti (Italia), Biljana Djurdjevic (Serbia), Robert Gligorov (Macedonia/Italia), Milena Dopitova (Repubblica Ceca), Al Fadhil (Irak), Martin Dickinger (Austria), Irwin (Slovenia), Sanja Ivekovic (Croazia), Armin Linke (Italia), Liuba (Italia), Katia Kameli (Algeria), Dalibor Martinis (Croazia), Boris Mikhailov (Ucraina), Zwelethu Mthewtha (Sud Africa), Shirin Neshat (Iran), Massimo Poldelmengo (Italia), Santiago Sierra (Spagna), Nebojsa Seric Soba (Bosnia), Erzen Shkololli (Kossovo), Janos Sugar (Ungheria), Marco Vaglieri (Italia), Heimo Wallner (Austria), Uli Vonbank Schedler (Austria).

La novità di quest’anno è la location speciale in cui si svolge la mostra: Il Museo Civico della guerra per la pace  “Diego de Henriquez” unico in Italia. Cornice adeguata tra cimeli ingombranti della I e II Guerra mondiale, per far scattare un dialogo intrigante ed inconsueto tra espressioni d’arte e sinistre presenze belliche, mute testimoni della violenza organizzata.

La mostra si avvale della collaborazione del Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura, e del sostengo del Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione C R T, della Camera di Commercio di Trieste, dell’A.I.A.T. e delle Assicurazioni Generali.

Hanno collaborato inoltre le gallerie: Massimo Minini (Brescia), Marco Noire (Torino), LipanjePuntin (Trieste), Claudio Poleschi (Lucca), O Artoteca (Milano).

La Galleria LipanjePuntin partecipa alla mostra con una una personale dell’artista russo Sergej Bratkov .che aprirà il 21 settembre.

Sempre alla Galleria LipanjePuntin avrà luogo un altro evento, con opening il 9 settembre, e cioè la mostra “The burning cross” del duo sloveno Goran Bertok e Dean Verzel. Seppure autonoma la mostra “The burning cross” riflette certamente il clima di Troubled Times, documentando l’iter della croce storica sul litorale istriano, messa a fuoco simbolicamente due anni fa dai due artisti, come segno di un disagio diffuso, ma anche per revisionare con una provocazione, il senso di un segnale millenario – la croce – in cui convergono vita e morte.

Ideatrice e curatrice della mostra è Maria Campitelli.

L’organizzazione è curata dal Gruppo 78 I. C. A., con la segreteria di Elisa Vladilo. l’allestimento è degli architetti Carlini & Valle, l’immagine e l’assetto grafico di Sabina Bonfanti.

Nel corso della mostra uscirà un catalogo bilingue, italiano-inglese, che documenterà la particolare collocazione delle opere in un contesto così insolito. Comprenderà il testo critico di Maria Campitelli e tra i vari contributi, anche quello di Predrag Matvejevic.

La mostra sarà visitabile fino al 16 ottobre.

Info:
Gruppo 78, International Contemporary Art, Trieste
Via Monte Cengio 11
34127 Trieste
Tel / Fax: ++ 39-040-567136
Cell: 3398640784
Email:
[email protected]; [email protected]; [email protected]
www.gruppo78.it

 

Ufficio stampa: Elisa Vladilo 040 – 764945

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *